La Libia, la guerra e gli scemi.

Nel video: Gino Strada – Un raro esempio di Italiano con cognizione di causa quando si esprime!!! http://www.dueaprile.it/

Lampedusa tracima di profughi tenuti in condizioni pietose, il governo italiano quando riferisce alle camere sull’entrata in guerra dell’Italia in Libia, lo fa con un ministro che parla poi scappa e un Presidente assente.

Prima il Raìs che monta le tende a Villa Borghese, e la stampa che  lo fa apparire al popolo come se non fosse nemmeno un Dittatore. Berlusconi che addirittura gli fa il bacia mano. Il PD che esclusivamente per senso di contrasto, addirittura spinge per l’ingresso in guerra dell’Italia. E’ l’assurdo del circo politico-mediatico del 2011. Tutta questa storia, fra l’altro, se paragonata a quello che la natura ha provocato in Giappone sembra un teatrino di comici di ultima classe.

Nel pezzo scorso ho citato Enrico Mattei, che, guarda caso, è stato ammazzato per aver portato, 60 anni fa, un idea di sviluppo socialmente sostenibile! Ma su questi argomenti il silenzio è sempre più assordante!

Tutti concordano di voler riportare la libertà ai popoli oppressi. Ma questo è facile dirlo. Il problema è su come fare.

E’ esclusivamente una questione di metodo, di contenuti persi da dirigenti politici completamente fuori da ogni logica di umana comprensione. Il dover far passare per forza il concetto del “necessario” per nascondere le loro stronzate. “Guerra necessaria!”, “azione necessaria!”, “sacrificio necessario!”

Sono gli stessi politici che, dai tempi di Craxi elogiano Gheddafi o, sono almeno 30 anni che fanno con lui trattative. Solo oggi, sbalorditi, hanno scoperto che è un dittatore.

Nel frattempo in Italia sono scomparsi i partiti tradizionali, ma i leader sono sempre gli stessi.

Paragrafando Massimo D’Azeglio direi che abbiamo fatto il 150 esimo dell’Unità Nazionale ma degli Italiani ancora non c’è traccia… su chi siano gli scemi però ci sono forti indizi.

Annunci

One thought on “La Libia, la guerra e gli scemi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...